Lettera dalla minoranza

Informazione

   Ad alcuni mesi dalle elezioni comunali è doveroso informare tutti gli amici che ci hanno sostenuto in campagna elettorale degli sviluppi a livello di consiglio comunale.
     
·        Il primo consiglio comunale, come saprete, si è svolto nella massima formalità in quanto l’ordine del giorno era blindato per legge, -giuramento del sindaco-relazione del sindaco-presentazione della giunta- presentazione degli indirizzi generali.
·               Di tutt’altro tenore il secondo consiglio comunale. Si è approvato una variazione di bilancio all’esercizio 2010, con un impegno di spesa di circa 2000 euro per le pulizie dell’edificio comunale, da affidare a un impresa privata. Fino ad ora venivano fatte in economia diretta, tramite l’operaio comunale, ( assunzione che l’amministrazione precedente,  giustificava anche per svolgere le pulizie degli edifici comunali, viste le contenute dimensioni del comune). La minoranza sollevò il caso con dei raffronti con altri comuni, come il vicino Villa Agnedo che con un solo operaio conduce un comune di 1000 abitanti , seguiva La proposta mossa dal consigliere Armando che auspicava di bandire un’offerta di partecipazione alla gara di appalto che agevolasse gli abitanti di Ivano Fracena, proposta caduta nel vuoto.
    Si è poi passati alla nomina di un membro di minoranza per la Commissione di modifica dello Statuto comunale il candidato disegnato per la minoranza è Pasquazzo Carlo, invece per la Commissione del nuovo Piano di Fabbricazione, sempre per la minoranza è stato disegnato e ne fa parte Pasquazzo Maurizio.
  
Per quanto riguarda il Piano di Fabbricazione, dopo il notevole rilievo che l’attuale maggioranza ha dato alla sua riapertura, è stata convocata per il giorno 31.08.10 alle ore 17. Erano presenti il Sindaco, Faceni Bruno Pasquazzo Maurizio, l’ing. Leopoldo Fogarotto e Croda Massimiliano. Con grande sorpresa il Sindaco riferisce che non si può proseguire con le richieste e tanto meno adottare una nuova adozione e variante al Piano in corso. Questo dopo aver avuto un incontro pochi giorni prima con l’assessore provinciale Gilmozz,  tutto il lavoro è stato vano sia per il comune con la nomina, l’avviso all’ albo per le richieste, i privati cittadini che si trovano delusi per questa grossolana svista.
Non si ha notizie per quanto riguarda la Commissione per la modifica dello Statuto Comunale, in quanto mai convocata.
 
·        Il consiglio comunale del 29 settembre si è caratterizzato in prevalenza, (anzi direi totalmente,) per l’approvazione del nuovo magazzino dei Vigili del fuoco. A parte delle variazioni di bilancio come la supplenza per malattia di una dipendente, dove hanno revocato la graduatoria in essere per la sua sostituzione di lavoro. Si è dato inizio alla ratifica della deliberazione di giunta ove era previsto il nuovo incarico per la progettazione di un nuovo Magazzino dei Vigili del fuoco. Cosi come era previsto sull’ ordine del giorno anche l’approvazione di detto progetto. Qui la discussione è stata ampia e estesa: un progetto elaborato dalla precedente amministrazione, che è costato circa 15.000 euro, è stato semplicemente buttato al macero. L’architetto Katuscia Broccato è stata incaricata di elaborare un nuovo progetto con una spesa di progettazione di circa 11.000 euro, l’opera è maestosa e prevede una spesa di Euro 1.432.144,80 di cui il 75% sarà finanziato dalla Provincia e il resto a carico del comune con una spesa di euro 358.536,20. Per la minoranza Carlo Pasquazzo ha tentato di spiegare la spesa eccessiva e in particolare che la quota a carico del comune, data da  tutto l’avanzo di amministrazione accantonato, svuoterbbe le casse comunali; e che se in futuro si verificasse la necessità di altre opere urgenti non ci saranno più fondi. Ha inoltre stigmatizzato i costi del funzionamento con dati dello stesso progettista.
 
  • Luce gas ecc. pari a euro 7.338 all’ anno,
  • Costi manutenzione 28.453 euro /anno
  • Totale da relazione tecnica 35.791 euro/anno di spese per mantenere la caserma.
 
La minoranza non ha potuto far altro che votare compatta contro questa assurda cattedrale nel deserto, che di certo, non e commisurata alle lecite necessità logistiche dei nostri V.V. F.F. volontari.
Attraverso l’account di facebook Uniti per “Ivano Fracena” ci impegniamo a tenere aggiornati tutti, sugli sviluppi del consiglio comunale.
 
Cogliamo l’occasione per congratularci con tutti i canditati che hanno partecipato alle elezioni della comunità di valle per gli ottimi risultati ottenuti, in particolare ci felicitiamo per l’elezione del consigliere Armando Floriani.